Dì i loro nomi

John T. Williams 8/30/2010
Eric Blaine Evans 10/23/2011
Mike Kwan-Yu Chen 09/10/2012
Henry Frankie Lee, Sr. 09/23/2012
James David Anderson 01/27/2013
Jack Sun Keewatinawin 02/26/2013
Joel Douglas Reuter 07/05/2013
Martin Anwar Duckworth 08/12/2013
Leonid G. Kalyuzhnyy 11/29/2013
Andrew Joseph legge 01/20/2014
Cody Willis Spafford 04/03/2014
Oscar Eduardo Perez-Giron 06/30/2014
Austin James Derby 07/01/2014
Larry Andrew Flynn 07/20/2014
Stephen Porter Johnston 08/30/2014
Sam Toshiro Smith 07/17/2015
Shun Ma 12/03/2015
Raymond Azevedo 12/06/2015
Che Andre Taylor 02/21/2016
Michael L. Taylor 10/11/2016
Damarius Butts 04/20/2017
Charleena Lyles 06/18/2017
Kyle Grey 12/11/2017
Jason Seavers 02/19/2018
Iosia Faletogo 12/31/2018
Danny Rodriguez 02/07/2019
Ryan Smith 05/08/2019
Elliott Yearby 12/16/2019 (morto in un incidente dopo l'inseguimento della polizia)
Shaun Fuhr il 4/29/2020
Senza nome 05/19/2020

Questi nomi sono di vittime locali che sono morte per mano del dipartimento di polizia di Seattle (SPD). Questi individui non hanno fatto i titoli nazionali. Non solo dobbiamo ricordarli, ma anche renderci conto che questo elenco è indicativo del fatto che la città di Seattle deve affrontare sfide simili a quelle di altre città in cui le vite dei neri americani sono terminate troppo presto a causa della violenza e della brutalità razziste. Dì i loro nomi.

Dal 2012, SPD è stato oggetto di un accordo federale, noto anche come decreto di autorizzazione federale, a causa dell'uso della forza da parte degli ufficiali e delle attività di polizia discriminatorie, in particolare nelle comunità di colore. In base a questo accordo, SPD ha concordato termini che affrontavano questioni specifiche relative alla disciplina della polizia, alla responsabilità, alla forza e alla supervisione della comunità. Il Comune è caduto in disaccordo con il decreto di autorizzazione dello scorso anno a causa della mancanza di responsabilità della polizia. La corte ha ritenuto che "il vecchio sistema di responsabilità [era] inadeguato ai fini del rispetto del decreto di consenso". Al Comune, al Dipartimento di Giustizia, all'Osservatorio e al CPC è stato ordinato di collaborare e creare un piano entro il 15 luglio 2019 per "risolvere l'inadempienza del Comune al Decreto di Consenso". Il 15 agosto, senza alcuna collaborazione con la Commissione di Polizia di Comunità (CPC), il Comune ha chiesto al tribunale di approvare la sua metodologia per valutare l'attuale regime di responsabilità. La corte ha avvertito che la città non dovrebbe usare la sua prossima valutazione per "giustificare il suo attuale sistema di responsabilità".

Il 7 maggio, il Comune di Seattle e il Dipartimento di Giustizia hanno presentato una richiesta al tribunale per porre fine ai propri impegni ai sensi del Decreto di Consenso. Ad oggi il Comune deve ancora formulare una metodologia per il rientro in regola con il tema della responsabilità, come disposto nel 2019. Poi, è successo l'atroce e tragico omicidio di George Floyd e sono seguite proteste diffuse in tutto il paese, inclusa Seattle. L'SPD è arrivato in tenuta antisommossa, ha usato gas lacrimogeni sui manifestanti, ha spruzzato uno spray al peperoncino su una bambina e ha lanciato palle esplosive contro la folla pacifica.

Le recenti risposte militanti dell'SPD ai manifestanti pacifici e il numero senza precedenti di denunce pubbliche ricevute dall'Office of Police Accountability (OPA), che ora supera le 15,000, chiarisce che la città di Seattle è costituzionalmente e moralmente obbligata a raggiungere la piena conformità sulla questione della responsabilità. Il procuratore della città di Seattle Pete Holmes ha annunciato il 3 giugno che avrebbe ritirato il Comune dall'istanza pendente di porre fine alle aree di sostentamento ai sensi del Decreto Federale di Consenso davanti al tribunale. Questo annuncio è stato una vittoria per la nostra comunità, ma la nostra Città ha ancora un'immensa mole di lavoro da fare. Il cambiamento è in ritardo e la comunità ha bisogno del tuo aiuto per rivedere il sistema di polizia.

Mentre continuano le proteste contro l'ingiustizia sistemica e la violenza contro i neri americani, noi come comunità dobbiamo ritenere SPD responsabile del rispetto delle sue riforme della polizia ordinate dal tribunale. A tal fine, la Seattle Community Police Commission (CPC) ha condiviso la sua consigli per i prossimi passi con il Sindaco e il Consiglio Comunale. Anche il CPC ha presentato la sua risposta legale alla mozione.

El Centro de la Raza sostiene il Le raccomandazioni del CPC delineate l'8 giugno 2020 in una lettera dei copresidenti indirizzata agli uffici del sindaco e dei membri del consiglio e del capo della polizia di Seattle Carmen Best. Il CPC raccomanda:

  • Notifica immediata delle modifiche alla politica di SPD. Il CPC può svolgere il proprio lavoro in modo più efficace se i commissari ne fossero a conoscenza per tutti i nostri marchi storici modifiche politiche e relative circolari emanate dal Comune, tra cui SPD.
  • Lavoro immediato per affrontare le debolezze del sistema di responsabilità della polizia. I tre organi di responsabilità del Comune dovrebbero riunirsi per sviluppare piani di lavoro che siano completi, coordinati e conformi al Decreto di adesione, a partire dallo sviluppo di una metodologia per raggiungere la conformità al Decreto di adesione in materia di responsabilità. Il CPC si aspetta che il Comune destini risorse adeguate alle agenzie di vigilanza e per garantire, come minimo, che tutte le riforme della legge sulla responsabilità del 2017 siano incorporate negli ordini del giorno della contrattazione sia con la Seattle Police Officers Guild che con la Seattle Police Management Association, incluso un consulente tecnico reciprocamente approvato per essere al tavolo durante la contrattazione. Solo allora il CPC può fare il suo lavoro.
  • Empowerment al CPC per compiere la sua missione. Il CPC accoglie con favore una partnership significativa e sostenuta con i partner della città per collaborare su progetti dall'inizio alla fine per quanto riguarda ruoli, responsabilità, aspettative ed esecuzione.
  • Il Comune ad affrontare il ruolo di monitor di polizia indipendente, come aveva ordinato il tribunale federale. Il Comune ha recentemente informato l'Osservatorio che il suo contratto sta per scadere. Tuttavia, il Comune non ha ancora conferito con il CPC sul ruolo in corso dell'Osservatorio.
  • Sostegno alle riforme dell'inchiesta di King County. Il Comune non solo dovrebbe ritirare il suo atto di contestazione del processo istruttorio, ma dovrebbe collaborare immediatamente con il PCC per sostenere le riforme.

Vi chiediamo di unirvi a noi nel sostenere il Raccomandazioni di CPC dettagliate nella loro lettera per apportare cambiamenti significativi e sostenibili nel nostro sistema di polizia che hanno deluso il pubblico in generale. Ieri abbiamo chiuso in solidarietà con Black Lives Matter Seattle-King County (BLMSKC) a sostegno della marcia silenziosa in tutto lo stato e dello sciopero generale. Ieri siamo stati in silenzio e oggi riprendiamo gli sforzi usando le nostre voci collettive. Per favore contattare i funzionari eletti per telefono ed e-mail per esprimere il tuo supporto utilizzando il seguente script:

Egregio sindaco Durkan e membri del consiglio comunale di Seattle,

Vi invito a rispondere alle raccomandazioni del PCC inviate l'8 giugno a sostegno pubblico delle loro raccomandazioni per i prossimi passi per sanare la sfiducia nei confronti delle forze dell'ordine locali e creare un precedente per proteggere le vite di Black e Brown. La mia richiesta è semplice: garantire un processo completo, trasparente e incentrato sulla comunità per rafforzare il nostro rapporto con la città investendo in fornitori di servizi sociali formati per gestire crisi e problemi relativi all'istruzione, all'assistenza sanitaria compresi i servizi di salute mentale, all'occupazione e agli alloggi a prezzi accessibili . Grazie.

Cordiali saluti,

[Inserisci qui il tuo nome completo]
[Inserisci il tuo numero di distretto dopo averlo verificato
qui]

Ti potrebbe anche interessare