Galleria d'arte e murale


Nuestra Historia, Nuestra Comunidad / La nostra storia, la nostra comunità

Nuestra Historia, Nuestra Comunidad fornisce materiali interpretativi per le opere d'arte e gli eventi della storia di El Centro de la Raza. El Centro de la Raza è stato fondato nel 1972 con una pacifica occupazione dell'edificio della Beacon Hill School. Fin dalla sua fondazione, El Centro de la Raza ha servito la comunità latina e altre comunità diverse. Nel corso della sua storia, El Centro de la Raza è solidale con numerosi movimenti per la giustizia sociale. Nuestra Historia, Nuestra Comunidad mette in luce l'opera d'arte e le voci di questi movimenti, che continuano a plasmare l'organizzazione fino ad oggi.

Questo progetto è stato sostenuto, in parte, da 4Culture/King County Lodging Tax.

Mappa dell'opera d'arte / mappa dell'arte:

Livello seminterrato

1. Quetzalcoatl, 1979 – Arturo Artorez

Questo murale raffigura una delle divinità più venerate dell'antico Messico: Quetzalcoatl. Il nome Quetzalcoatl deriva dalla parola Nauatl quetzal, un uccello con belle piume, e cappotto, che significa serpente. Quetzalcoatl è il creatore della vita umana e si dice che abbia dotato gli umani di molti doni. Uno di questi era quello delle arti e dei mestieri, che rende questa divinità una delle preferite dagli artisti. Quetzalcoatl ha anche dato agli umani il dono dell'agricoltura e quindi qui Quetzalcoatl è posto vicino a una pianta di mais. La pianta di mais è anche un'importante fonte di cibo e quindi ha anche senso che sia collocata qui nella Cocina Popular di El Centro de la Raza. Quetzalcoatl, a causa delle sue due identità (uccello e serpente), è spesso raffigurato come rappresentazione dell'idea di dualità e armonia tra gli opposti. Questo murale è diviso tra sinistra e destra in scene di notte e giorno e tra l'alto e il basso in scene della terra e del cielo.

2. Salvador Allende e Los Chilenos

Salvador Allende è stato presidente del Cile dal 1970 al 1973. Come presidente apertamente socialista del Cile, ha istituito una serie di riforme per l'istruzione pubblica, l'edilizia abitativa e i programmi sanitari e ha trasferito molte industrie private nella proprietà statale. Sebbene queste politiche abbiano beneficiato molti cileni della classe operaia, c'era chi voleva estromettere quello che considerava un pericoloso presidente comunista. L'11 settembre 1973, un colpo di stato appoggiato dagli Stati Uniti rovesciò e assassinò Salvador Allende. Il nuovo regime guidato da Augusto Pinochet eseguì dure punizioni agli ex sostenitori di Allende, tra cui molti artisti e intellettuali di sinistra. Alla fine degli anni '1970, questi cileni fuggirono negli Stati Uniti per sfuggire alla repressione. I rifugiati sono finiti a Seattle ea El Centro de la Raza nei primi anni dell'organizzazione. I cileni portarono con sé una preziosa coscienza politica e furono influenti nella formazione dei 12 principi di El Centro de la Raza. Questi principi, sviluppati nel 1976, aiutano a guidare la visione e la missione della nostra organizzazione fino ad oggi. Abbiamo chiamato la Sala 106 “Sala Salvador Allende” per onorare la memoria di questo leader ispiratore che, durante la sua presidenza, ha lavorato per migliorare la vita dei poveri cileni. Questa sala onora anche l'intera comunità cilena e il loro sostegno a El Centro de la Raza.

3. José Martí Mural, 1989 – Uxmal

Questo murale luminoso e bello è il benvenuto perfetto al Centro di sviluppo infantile José Martí di El Centro de la Raza. Uxmal, un artista guatemalteco, ha dipinto questo murale per ringraziare El Centro de la Raza per averla sostenuta al suo arrivo negli Stati Uniti.

Gli animali e le piante colorati attirano i bambini del nostro Centro per lo sviluppo del bambino. Parlano dei valori della diversità ambientale e culturale.

La conservazione culturale era una preoccupazione importante per l'omonimo del Centro per lo sviluppo dell'infanzia, José Martí (1853-1895). José Martí, un eroe nazionale cubano, ha parlato contro l'impatto dannoso del colonialismo spagnolo nella sua patria, Cuba, e ha parlato dell'importanza di mantenere la diversità culturale.

Sparsi tra gli animali si trovano anche nomi di ex dipendenti e volontari di El Centro de la Raza. Ad esempio, all'estrema sinistra del murale, c'è il nome “Roberto” scritto sopra un uccellino che non si adatta molto alle altre creature tropicali. Questo è stato il tributo di Uxmal al direttore esecutivo di lunga data di El Centro de la Raza, Roberto Maestas. È raffigurato qui come un roadrunner, l'uccello di stato del suo stato natale, il New Mexico.

4. Centro per lo sviluppo del bambino

I bambini e i giovani sono stati un obiettivo importante di El Centro de la Raza nel corso della sua storia. Incluso nei 12 principi guida di El Centro de la Raza c'è l'obiettivo di “rispettare e riconoscere i diritti dei bambini come membri a pieno titolo e privilegiati della nostra società”. In effetti, il Centro per lo sviluppo del bambino Jose Marti è stato uno dei primissimi programmi qui a El Centro de la Raza. Ai tempi in cui l'organizzazione era un'umile classe di studenti ESL, hanno iniziato a rendersi conto della necessità di un'assistenza all'infanzia bilingue e arricchente per i loro figli. Questi studenti si sono riuniti e hanno creato un programma di assistenza all'infanzia che ha soddisfatto le esigenze sia dei genitori che dei bambini.

Jose Marti, l'omonimo del nostro Centro per lo sviluppo del bambino, è stata una figura ispiratrice nella storia cubana che esemplifica la visione di El Centro de la Raza. Nei primi anni di El Centro de la Raza, molti membri dello staff hanno potuto visitare Cuba e conoscere meglio l'impatto di Jose Marti sul popolo cubano. Nato nel 1853, usò il suo talento di poeta e giornalista per denunciare le ingiustizie del controllo coloniale spagnolo su Cuba. A causa della sua scrittura attivista fu imprigionato e infine esiliato in Spagna. Tuttavia continuò a pubblicare le sue appassionate poesie, saggi e articoli mentre viaggiava in Messico, Guatemala e New York. Tornò nel suo paese d'origine per combattere nelle prime battaglie per l'indipendenza dalla Spagna nel 1895. Tragicamente fu ucciso in battaglia, ma la sua eredità sopravvive a Cuba e qui a El Centro de la Raza. Come ha detto José Martì, “noi lavoriamo per i bambini perché sono loro che sanno amare, perché sono i bambini la speranza per il mondo”.