Storia & Evoluzione


“Siamo un popolo lacerato di epoca in epoca. È logico, morale e psicologicamente costruttivo per noi resistere all'oppressione, uniti come famiglie... la forza interiore e l'integrità ci renderanno di nuovo integri".

-Martin Luther King, Jr. (1967)

Questa è la nostra storia

L'autunno del 1972 non fu il "migliore dei tempi" per Seattle, il nord-ovest, gli Stati Uniti o il mondo in generale. Seattle stava lottando con il "boeing bust", la peggiore recessione dell'area dagli anni '1930. La profonda divisione razziale e la guerra da incubo in Vietnam stavano lacerando l'anima della nostra nazione. Ad un certo punto, alcuni "carpentieri" anonimi hanno fatto notizia nazionale erigendo un cartellone creativo ed elegante lungo un'autostrada principale con la scritta "L'ultima persona che lascia Seattle, per favore, spegne le luci?" (Accompagnato da uno schizzo di una lampadina nuda e una corda penzolante.)

Con l'arrivo dell'autunno, le giornate si sono accorciate, sono arrivate le piogge e l'aria si è raffreddata in uno degli inverni più freddi mai registrati a Seattle.

Una decisione governativa regressiva ha dimostrato come i confini tra questioni internazionali, nazionali e locali potessero facilmente diventare un tutt'uno. Un programma centrale di "Guerra alla povertà", poco dopo l'inizio della tanto propagandata "GUERRA", è stato bruscamente definanziato, innescando un problema che ha portato alla creazione di "El Centro de la Raza".

Una settantina di studenti latini e dieci membri dello staff del Chicano: English and Adult Basic Education Program presso la filiale di Duwamish del nascente South Seattle Community College si sono trovati senza una casa educativa.

Il primo grande passo audace

Verso le 8:00 dell'11 ottobre 1972, una delegazione di tre persone fu accolta dal responsabile delle strutture del Seattle Public School District che stava mostrando una struttura fatiscente e fatiscente ai rappresentanti di "qualche" organizzazione interessata ad affittare o acquistare i tre abbandonati edificio della scuola elementare di storia situato nel mezzo di un blocco quadrato.

Quando il lucchetto si aprì, il capo della delegazione sfilò il lucchetto dal meccanismo e se lo mise in tasca confondendo il custode che non disse nulla.

Iniziò così un viaggio storico di quasi 50 anni mentre il personale principale, gli studenti e le loro famiglie camminavano nervosamente e silenziosamente da dietro i cespugli e le auto parcheggiate attraverso la porta aperta.

L'occupazione della scuola abbandonata di Beacon Hill situata sulla cresta a dieci minuti dal cuore del centro di Seattle era iniziata. In quel momento la Beacon Hill School cessò di esistere e nacque El Centro de la Raza.

Il contesto

Questo incidente rispecchiava le innumerevoli manifestazioni politiche e sociali e il tenore del decennio precedente e si era intensificato nel 1968 con l'assassinio del dottor Martin Luther King Jr. (dopo i suoi brevi ma magnifici due decenni di lotta per l'uguaglianza razziale).

L'anno successivo fu occupata l'isola di Alcatraz nella baia di San Francisco.

Nel 1970, Fort Lawton, una struttura militare in eccesso a Seattle, fu occupata da indiani che cercavano il ripristino dei loro diritti previsti dal trattato, tra cui la pesca del salmone e i diritti sulla terraferma. Grandi scioperi dei contadini si stavano verificando in California e nella Yakima Valley dello stato di Washington. I residenti asiatici nella “Chinatown” di Seattle, adiacente al quartiere di Beacon Hill, stavano combattendo la gentrificazione dell'area colpendo ripetutamente le strade.

La maggior parte dei campus universitari nello stato, nella nazione e nel mondo stavano vivendo manifestazioni di massa e occupazioni contro la guerra del Vietnam. L'intera nazione è rimasta sbalordita dalle uccisioni militari di studenti in protesta alle università statali di Jackson e Kent State sotto la sorveglianza presidenziale del famigerato Richard Nixon.

Coloro che guidavano l'occupazione pacifica della fatiscente Beacon Hill School avevano partecipato a molte di queste attività e avevano sperimentato il potere di unire gli sforzi attraverso le barriere razziali e di classe.

El Centro De La Raza: Centro Per Persone Di Tutte Le Razze

Fin dall'inizio, quelli di noi che hanno occupato e hanno iniziato a trasformare la vecchia scuola elementare sono stati raggiunti da centinaia di precedenti alleati del movimento di tutte le razze e settori economici che erano chiari e fidati della nostra decisione. Come il quartiere circostante, e Seattle nel suo insieme, abbiamo rappresentato l'arcobaleno dell'umanità.

Quindi, sebbene la fondazione di El Centro de la Raza sia stata innescata da Latinos e abbia acquisito un nome spagnolo, è iniziata e rimane "Il Centro per le persone di tutte le razze". È "casa" per tutte le persone che sono interessate a continuare la lotta per un mondo migliore servendo, educando, difendendosi e organizzando l'un l'altro e il nostro popolo per costruire la "comunità amata" come immaginata da King, Bolivar, Zapata, Ghandi, Martí, Joe Hill, Madre Teresa, Ho Chi Minh, Emma Tenayuca, Che, Black Elk, Geronimo e migliaia di altri nostri eroi e martiri.

Fin dall'inizio El Centro de la Raza ha fornito un luogo di ritrovo per la comunità latina altrimenti dispersa di Seattle... e nel 1972, in gran parte invisibile, e accoglie tutti gli individui a braccia aperte.

Momenti che definiscono

Noi che abbiamo occupato pacificamente la Beacon Hill School abbiamo creato una "comunità amata", senza acqua corrente e calore, mentre si svolgevano le trattative con la City of Seattle e le Seattle Public Schools. A seguito di mesi di "inazione" ufficiale è diventato necessario occupare i seggi e le Camere del Consiglio comunale di Seattle per sottolineare la nostra determinazione a sviluppare un autentico centro comunitario di base e veramente democratico sul sito.

Uno dei dibattiti chiave infuriava intorno alla posizione più appropriata per un centro latino. Eravamo convinti che il sito di Beacon Hill fosse il più appropriato a causa della sua posizione centralizzata, disponibilità e potenziale di espansione e sviluppo.

L'approvazione finale del sindaco Wes Uhlman per mettere in sicurezza la struttura è arrivata solo dopo l'occupazione pacifica del suo ufficio e il successivo arresto dei leader di El Centro de la Raza. L'occupazione di tre mesi, in uno degli inverni più freddi di Seattle, ha portato a un contratto di locazione dell'edificio per cinque anni a $ 1 all'anno.

Ora che cosa?

Dopo la vittoria, la realtà è arrivata e quelli di noi che avevano sopportato e organizzato per tre mesi difficili si sono resi conto che il vero lavoro era appena iniziato.

Dal 1972, il sudore, le lacrime, le canzoni, lo studio, il sacrificio e la creatività delle persone hanno costruito e ora possiedono serrature e canne, e con tutta la dovuta modestia, una delle organizzazioni comunitarie più intransigenti e produttive della nazione.

Citando solo due degli innumerevoli premi internazionali, nazionali, statali e locali, El Centro de la Raza è probabilmente l'unica organizzazione al mondo a detenere, da un lato, la "Medaglia del decimo anniversario della rivoluzione sandinista" del Nicaragua (10). ), e il premio "Mille punti di luce" (1989) della Casa Bianca di George Bush Sr. (Dato che questi due governi erano nemici mortali. Tra questi due premi c'è una storia notevole).

La missione, la visione

El Centro de la Raza ha cercato di servire e responsabilizzare tutti coloro che raggiungiamo per imparare gli uni dagli altri e unire le nostre energie nella nobile lotta per il cambiamento sociale di base. La sola fornitura di un'ampia gamma di servizi di sopravvivenza è solo un sollievo temporaneo per profonde ferite della società; non affronta le radici della povertà, della discriminazione, dell'alienazione e della disperazione.

El Centro de la Raza si sforza di utilizzare le attività sociali, culturali, educative, economiche e civiche come veicoli per riunire i popoli di tutte le razze e si rifiuta di separare il modello economico della nostra nazione dalla tragedia storica del razzismo, della povertà e della guerra. La nostra organizzazione cerca di combinare un forte senso di autostima e connessione con la propria famiglia e cultura con la partecipazione attiva agli affari della comunità. La nostra autogoverno collettivo ha sviluppato una vasta rete, a livello locale, nazionale e internazionale, per unire popoli diversi, con problemi comuni, alla ricerca di soluzioni efficaci e giuste.

Non cederemo mai all'ingiustizia

Sappiamo tutti che è una lotta difficile. L'organizzazione affronta i problemi di razzismo, sessismo e altre forme di disuguaglianza che hanno tormentato il mondo per secoli. Questi problemi sono stati creati nel corso di molte generazioni e solo il progresso progressivo della storia li risolverà.

La dedizione di El Centro de la Raza a risolverli costruendo un senso di comunità è espressa al meglio nelle parole del primo dei nostri 12 Principi; tutto ciò parla dell'autonomia e di un'agenda globale e che ci ha guidato con chiarezza e successo attraverso un'era tumultuosa della storia.

“Condividere, erogare e distribuire i nostri servizi, risorse, conoscenze e abilità ai nostri partecipanti, comunità, visitatori e famiglia umana più ampia con tutta la dovuta dignità per la loro individualità, necessità e condizione. Per farlo in modo creativo con calore, sensibilità culturale, equità, entusiasmo, compassione, onestà, ottimismo, pazienza e umiltà in tutte le aree di lavoro”.

I media mainstream, ogni volta che hanno ritenuto conveniente (o necessario) coprire parti della nostra storia, sono sempre stati incompleti, distorti, sensazionalizzati o completamente falsi.

Ora, con le brillanti possibilità progressive del cyberspazio, continueremo a raccontare la nostra storia non filtrata.

Bienvenidos Siempre a El Centro de la Raza